Udine Atto

Tariffe per noleggi, nell’interesse di terzi, di attrezzature di proprietà comunale (casette in legno e sedie). Revoca deliberazione giuntale n. 148/2014. (N. 2017/00078)

Delibera della Giunta comunale N° 2017/00078 del 07 marzo 2017

Presentazione
Discussione in Commissione
Discussione in Consiglio
Approvazione
6.3.2017
  • 7.3.2017
  • approvato


Firmatari

  • Cinzia Del Torre
    Assessore al Bilancio e all'Efficacia organizzativa
    Monitorato da 6 cittadini

Testo

LA GIUNTA COMUNALE


RICHIAMATA la deliberazione di Giunta comunale n. 148 d’ord. del 20 maggio 2014 con la quale venivano fissate le tariffe e le relative agevolazioni, relativamente a noleggi a favore di enti pubblici, di privati o di organizzazioni e associazioni senza scopo di lucro, dei seguenti beni in dotazione al magazzino economale di via Robert Schumann, 1:

casette in legno del tipo “per fiere” (disponibilità 20 strutture);

sedie del tipo “per conferenze”, ignifughe, impilabili, da interno e/o esterno, monoscocca (disponibilità circa 1000 pezzi);

RICHIAMATO in particolare il punto 5 del dispositivo della citata deliberazione laddove si prevede che l’applicazione del tariffario stabilito in delibera decorreva dalla data di approvazione del medesimo atto e fino a revoca dello stesso;

CONSIDERATO che con decisione della Giunta comunale n. 16 d’ord. del 31 gennaio 2017 è stata definita la cessione, a favore del Comune di Pradamano, a titolo gratuito, di diciannove casette in legno e contestualmente è stata decisa la messa a disposizione della ventesima casetta a favore dell’ufficio comunale Servizio di Staff per l’allestimento di un’area gatti nell’ambito del territorio cittadino di Udine;

RITENUTO opportuno, inoltre, relativamente all’utilizzo delle sedie del tipo “per conferenze”, data la loro vetustà e tenuto conto che da ogni operazione di movimentazione numericamente significativa deriva la possibilità di danneggiamento e/o di perdita di  alcuni esemplari, circoscriverne l’utilizzo alle sole manifestazioni d’interesse dell’Amministrazione comunale, sottraendole alla possibilità di noleggio, sia a tariffa piena che agevolata, a favore di terzi, siano essi altri enti pubblici, ovvero privati, ovvero organizzazioni e/o associazioni senza finalità di lucro;

TUTTO ciò premesso e considerato;

RITENUTO necessario, pertanto, procedere alla revoca, a partire dalla data di esecutività del presente atto, della deliberazione giuntale n. 148/2014;

VISTI i pareri favorevoli, espressi ai sensi dell’art. 49 co.1 del D.Lgs. 267/2000, dal Dirigente del Servizio Amministrativo Appalti, dott.ssa Antonella Manto e dalla Responsabile del Servizio Finanziario, dott.ssa Marina Del Giudice, e conservati agli atti presso l’ufficio proponente;


DELIBERA


di revocare, per quanto espresso in premessa, a partire dalla data di esecutività del presente atto, la deliberazione di Giunta comunale n. 148 d’ord. del 20 maggio 2014, relativa a “tariffe per noleggi, nell’interesse di terzi, di attrezzature di proprietà comunale (casette in legno e sedie)”;

di stabilire che l’eventuale priorità di utilizzo delle sedie del tipo “per conferenze” relativamente agli eventi istituzionali dell’Ente sia stabilita dalla Giunta comunale con propria decisione;

di demandare alla Giunta comunale la possibilità di concedere, con proprio atto motivato, a titolo gratuito, le sedie in dotazione al magazzino economale di via Robert Schumann, 1 a favore esclusivamente di enti pubblici, organizzazioni e/o associazioni senza finalità di lucro, per eventi meritevoli della collaborazione tecnica da parte del Comune di Udine;

di determinare che la predisposizione delle proposte di deliberazione/decisione di cui ai precedenti punti 2. e 3. sia affidata agli uffici/servizi che seguono per conto del Comune di Udine l’organizzazione degli eventi ovvero competenti relativamente alla concessione dei patrocini.

L'ordine del giorno di cui sopra viene approvato dalla Giunta ad unanimità di voti espressi in forma palese.

Ad unanimità di voti, espressi in forma palese, la presente deliberazione viene altresì dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi della L.R. 21/2003 e successive modificazioni.