Udine Atto

Denominazione di un'area verde e di un piazzale. (N. 2017/00143)

Delibera della Giunta comunale N° 2017/00143 del 13 aprile 2017

Presentazione
Discussione in Commissione
Discussione in Consiglio
Approvazione
7.4.2017
  • 13.4.2017
  • approvato


Firmatari

  • Antonella Nonino
    Assessore ai Diritti e all'Inclusione Sociale
    Monitorato da 10 cittadini

Testo

LA GIUNTA COMUNALE

Premesso che, come emerge dalle segnalazioni dell’U. S. Toponomastica e numerazione civica, un’area verde e un piazzale del territorio comunale, di recente realizzazione, sono privi di denominazione e che quindi è opportuno provvedere alla loro intitolazione;

Rilevato che la Commissione Consultiva per la Toponomastica locale ha formulato le proposte di denominazione, come risulta dal verbale della seduta del 17 novembre 2016,  conservato agli atti dell’U.S. Toponomastica e numerazione civica;

Preso atto quindi delle proposte formulate dalla Commissione Toponomastica e ritenuto di accogliere tali indicazioni;

Visto il D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223;

Visto il parere favorevole, espresso ai sensi dell'art. 49, c. 1 del D.Lgs. 267/2000, dalla Dirigente del Servizio Demografico e Decentramento dott.sa Paola Asquini, e conservato agli atti presso l’Ufficio proponente;

d e l i b e r a

di approvare le seguenti denominazioni; 

la nuova area verde posta fra viale mons. Giuseppe Nogara e il terminal studenti


            AREA VERDE �MONS. ALFREDO BATTISTI�Arcivescovo di Udine (1925 – 2012)


Pastore della Diocesi di Udine, padre dell’Università friulana definito "il Vescovo della Rinascita del Friuli”.
Il nuovo piazzale all’incrocio fra via Torino e via Alba


            PIAZZALE�EMANUELE CHIAVOLA�Artefice della Ricostruzione post terremoto (1920 – 1992)

Emanuele Chiavola fu il funzionario scelto dalla Giunta Comelli per guidare la Segreteria Generale Straordinaria della ricostruzione, uno strumento operativo voluto dalla Regione nel processo di affidamento di competenze per la gestione del sisma ai Sindaci; si trattò di un processo dall’alto al basso, dallo Stato alla Regione e da quest’ultima ai Comuni, dove la direzione guidata da Chiavola ebbe il ruolo fondamentale da un lato di venire incontro alle esigenze di tutti i singoli territori, dall’altra di uniformare costi, preziari e procedure per l’affidamento lavori di fronte alle tante necessità e richieste che gli stessi sindaci presentavano.

di dare atto che per poter procedere all’intitolazione dell’area verde Mons. Alfredo Battisti, il presente provvedimento sarà trasmesso alla Prefettura di Udine per l’autorizzazione in deroga all’art. 4, secondo comma della legge 23 giugno 1927, n° 1188, non essendo ancora trascorsi dieci anni dalla morte.
L'ordine del giorno di cui sopra viene approvato dalla Giunta ad unanimità di voti espressi in forma palese.

Ad unanimità di voti, espressi in forma palese, la presente deliberazione viene altresì dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi della L.R. 21/2003 e successive modificazioni.