Udine Atto

Linee di indirizzo in materia di contenimento delle spese di funzionamento e del personale della società in house UCIT Srl (N. 2017/00546)

Delibera della Giunta comunale N° 2017/00546 del 21 dicembre 2017

Presentazione
Discussione in Commissione
Discussione in Consiglio
Approvazione
14.12.2017
  • 21.12.2017
  • approvato


Firmatari

Testo

LA GIUNTA COMUNALE

Premesso che il Comune di Udine, unitamente al socio di maggioranza Regione FVG, è socio della società Ucit Srl, con una quota pari al 20% del capitale sociale;


Dato atto che l’art. 31 c. 3 della Legge n. 10 del 09.01.1991 (come modificata ed integrata dalle successive disposizioni normative, ed in particolare dal D.P.R. 412 dd. 26.8.1993, dal D.P.R. 551 dd. 21.12.1999 e dal D.Lgs. 192 dd. 19.08.2005) stabilisce che i Comuni con più di 40.000 abitanti e le Province per le restanti parti del territorio effettuano i controlli necessari a verificare l’osservanza delle norme relative al rendimento di combustione degli impianti termici;


Rilevato che, con delibera n. 71 d’ord. del 27.07.2016, il Consiglio Comunale ha deliberato l’affidamento in modalità “in house” del servizio di controllo degli impianti termici alla società Ucit Srl, per un periodo di anni 5, approvando contestualmente le linee di indirizzo per l’affidamento stesso;


Dato atto che in data 17.02.2017 il Comune di Udine e la società Ucit Srl hanno sottoscritto il relativo contratto di servizio di controllo degli impianti termici nel territorio del Comune di Udine;


Considerato che, ad oggi, in materia di personale delle società in house providing (modalità e limiti per le assunzioni in via transitoria ed a regime, modalità di reclutamento, limiti alle retribuzioni) il vigente quadro di riferimento è costituito dal D.Lgs. 175/2016 (testo unico in materia di società a partecipazione pubblica) come modificato e integrato dal D.Lgs. 100/2017, in particolare dagli artt. 25, 19, 11 c.6 e relativi decreti ministeriali di futura approvazione;

Visto il c. 5 dell’art.19 del D.Lgs. 175/2016 in base al quale “le amministrazioni pubbliche socie fissano, con propri provvedimenti, obiettivi specifici, annuali e pluriennali, sul complesso delle spese di funzionamento, ivi comprese quelle per il personale, delle società controllate, anche attraverso il contenimento degli oneri contrattuali e delle assunzioni di personale e tenuto conto di quanto stabilito all'articolo 25, ovvero delle eventuali disposizioni che stabiliscono, a loro carico, divieti o limitazioni alle assunzioni di personale, tenendo conto del settore in cui ciascun soggetto opera;

Visto l’art. 28, c. 1 D.Lgs. 175/2016 che ha abrogato le previgenti norme in materia di personale delle società pubbliche, ed in particolare le lettere:

g) che abroga l'articolo 18 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, commi 1, 2 e 3;

s) che abroga l'articolo 1, commi 551, limitatamente al secondo periodo, 558 e 562, limitatamente alla lettera b), della legge 27 dicembre 2013, n. 147; 

t) che abroga l'articolo 1, commi da 563 a 568 e da 568-ter a 569-bis, della legge 27 dicembre 2013, n. 147; 

u) che abroga l'articolo 23 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89;


Vista la nota del 28/11/2017 prot. n. 0052054/P con cui la Regione FVG ha manifestato l’intenzione di estendere il servizio di controllo degli impianti termici svolto da Ucit Srl anche ai territori delle ex Province di Trieste e Pordenone, probabilmente  a partire già dal 1° marzo 2018;


Dato atto che Ucit Srl, nel corso degli ultimi anni, ha visto la costante riduzione del numero del proprio personale dipendente, (principalmente dovuto a dimissioni/cessazioni volontarie non reintegrate) e che l’attuale pianta organica, come più volte sottolineato dalla stessa società, è notevolmente sottodimensionata, considerata anche l’estensione del servizio al territorio della Provincia di Gorizia avvenuto nel 2013. Tale sottodimensionamento non permette un adeguato turn-over per lo svolgimento delle ferie, obbliga la chiusura dell’ufficio per brevi periodi ad agosto e dicembre, e, in caso di assenze impreviste (es. malattia o infortunio), fa venir meno la garanzia dell’apertura degli uffici per tutto l’orario previsto. Di seguito si riporta l’andamento negli anni del numero del personale dipendente della società:


                        
                            Periodo

	
                        
                            Numero Personale dipendente



2007-09
	
9 (di cui un dirigente)


2009-10
	
8 (di cui 1 dirigente)


2011-13
	
6 (di cui un ispettore svolge funzioni di coordinatore)


2013
	
                        
                            
                                Estensione attività nella Prov. di Gorizia
                            



Dal 2013
	
5 (di cui un ispettore svolge funzioni di coordinatore)


Vista la nota del 29.11.2017 prot. 000482 con cui Ucit Srl ha trasmesso ai soci il piano previsionale 2018-2020, che tiene conto del futuro affidamento da parte della Regione FVG dei controlli sul territorio delle ex Province di Pordenone e Trieste;

Dato atto che il piano previsionale di cui sopra, al fine di assicurare il regolare svolgimento del servizio di ispezione e controllo anche nei nuovi territori che saranno oggetto di controllo, prevede l’introduzione:

immediata di due unità aggiuntive di personale dipendente con incarico di ispettore e il successivo mantenimento della nuova dotazione organica per i successivi anni di piano;
di ulteriori due collaboratori esterni per il 2018, di cui uno in sostituzione di un attuale dipendente (ispettore) che sarà riconvertito a nuova mansione per motivi di salute, e di un’ulteriore figura ispettiva per l’anno 2019.
La copertura dei maggiori costi che deriveranno dall’aumento del numero del personale dipendente e dei collaboratori esterni sarà coperto, secondo le previsioni contenute dal succitato piano previsionale, dal relativo aumento dei ricavi d’esercizio;
Rilevato che l’estensione dei controlli anche ai territori delle ex Province di Pordenone e Trieste comporterà un tendenziale aumento anche dei costi generali di gestione, dovuti principalmente all’aumento dell’utenza gestita, del numero di comunicazioni soggette ad accertamento d’ufficio, del numero di ditte manutentrici a cui garantire l’assistenza necessaria, del numero di ispezioni da programmare, anche la copertura di tali costi sarà garantita, secondo le previsioni contenute dal succitato piano previsionale,  dal relativo aumento dei ricavi d’esercizio;

Dato atto che la società ha provveduto negli anni agli adeguamenti dei compensi degli Amministratori previsti per legge, specificatamente nel corso del 2012 con una riduzione del costo del 10% e nell’esercizio 2015 con un’ulteriore riduzione di circa il 20%,  (determinazione del costo complessivo dell’organo amministrativo pari all’80% rispetto al costo del 2013, come disposto dalla L. 114/2014); 

Dato atto che, per quanto sopra, si ritiene opportuno fissare i seguenti obiettivi relativi alle spese di funzionamento e, più in generale, alla redditività dell’attività: 




	
                        
                            2017

	
                        
                            2018

	
                        
                            2019

	
                        
                            Media



Spese per il Personale
	
< 245.000 €
	
< 340.000 €
	
< 340.000 €
	
/


Costi per Servizi Tecnici 
	
< 250.000 €
	
< 355.000 €
	
< 390.000 €
	
/


Altri costi per servizi
	
< 80.000 €
	
< 150.000 €
	
< 140.000 €
	
/


ROE redditività del capitale proprio  (UN/PN) - media triennio 2017/2019
	
> 20%


Incidenza costi personale sul valore di produz. – media triennio 2017/2019
	
< 30%


Valore aggiunto per dipendente (v.a. / num. dip.)
	
> 75.000 €


Atteso che il presente atto rientra tra i provvedimenti soggetti a pubblicazione sul sito istituzionale sia della società che delle pubbliche amministrazioni socie, ai sensi dell’art. 19, c. 7, del D.Lgs. 175/2016;

Visto il D.Lgs. 267/2000, Testo Unico degli Enti Locali;

Visto lo Statuto comunale;

Visto il parere favorevole, espresso ai sensi dell'art. 49, c. 1 del D.Lgs. 267/2000, dal Direttore del Dipartimento Gestione del Territorio, delle Infrastrutture e dell’Ambiente, ing. Marco Disnan e conservato agli atti presso l’Ufficio proponente,

	Dato atto che il presente provvedimento non comporta effetti contabili diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente;

DELIBERA


Di approvare e fare proprie le premesse del presente provvedimento;


Di fissare i seguenti obiettivi per il contenimento delle spese di funzionamento e del personale per il triennio 2017-2019:




	
                        
                            2017

	
                        
                            2018

	
                        
                            2019

	
                        
                            Media



Spese per il Personale
	
< 245.000 €
	
< 340.000 €
	
< 340.000 €
	
/


Costi per Servizi Tecnici 
	
< 250.000 €
	
< 355.000 €
	
< 390.000 €
	
/


Altri costi per servizi
	
< 80.000 €
	
< 150.000 €
	
< 140.000 €
	
/


ROE redditività del capitale proprio  (UN/PN) - media triennio 2017/2019
	
> 20%


Incidenza costi personale sul valore di produz. – media triennio 2017/2019
	
< 30%


Valore aggiunto per dipendente (v.a. / num. dip.)
	
> 75.000 €


Di prevedere la pubblicazione del presente provvedimento sul sito istituzionale del Comune di Udine e della partecipata società Ucit Srl.

 L'ordine del giorno di cui sopra viene approvato dalla Giunta ad unanimità di voti espressi in forma palese.

Ad unanimità di voti, espressi in forma palese, la presente deliberazione viene altresì dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi della L.R. 21/2003 e successive modificazioni.