Udine Atto

CIVICI MUSEI E GALLERIE DI STORIA E ARTE: autorizzazione al prestito di due disegni del progetto per il "Villaggio del Fanciullo di Trieste - Opicina" dell'arch. Marcello D'Olivo al Museo MAXXI, Museo Nazionale delle arti del XXI secolo, di Roma, per la mostra: “Gli architetti di Zevi. Storia e controstoria dell’architettura italiana 1944-2000”, in programma dal 19 aprile al 14 ottobre 2018. (N. 2018/00091)

Delibera della Giunta comunale N° 2018/00091 del 06 marzo 2018

Presentazione
Discussione in Commissione
Discussione in Consiglio
Approvazione
2.3.2018
  • 6.3.2018
  • approvato


Firmatari

Testo

LA GIUNTA COMUNALE



	Premesso che i Civici Musei di Udine collaborano spesso, attraverso il prestito di dipinti e altre opere delle proprie collezioni, alla realizzazione di mostre temporanee organizzate sia in Italia che all’estero, al fine di contribuire a promuovere e a valorizzare il patrimonio artistico conservato presso le sue raccolte;

	Considerato che il Museo MAXXI – Museo Nazionale delle arti del XXI secolo - di Roma sta organizzando presso i propri spazi espositivi la mostra: “Gli architetti di Zevi. Storia e contro storia dell’architettura italiana 1944-2000”, in occasione del centenario della nascita del grande critico, in programma dal 19 aprile al 14 ottobre 2018;
Vista la nota pervenuta in data 26 febbraio 2018 (P.G./E 0021165), con la quale il Direttore del Museo MAXXI - Architettura, Margherita Guccione, ha presentato ai Civici Musei di Udine richiesta di prestito dei seguenti disegni dell’architetto udinese Marcello D’Olivo, appartenenti alle collezioni delle Gallerie del Progetto di Palazzo Morpurgo, da esporre presso la Galleria 3 del Museo MAXXI di Roma, nell’ambito della mostra in parola:

Marcello D’Olivo (Udine, 27 febbraio 1921 – Udine, 24 agosto 1991), Progetto Villaggio del Fanciullo, Trieste – Opicina, 1952, Padiglione centrale: particolare camere assistenti, Scala 1:50, 1:25, Disegno a china, matita, pennarello su lucido, cm. 92x129, n. inv. ADU1103, valore € 5.000,00;

Marcello D’Olivo (Udine, 27 febbraio 1921 – Udine, 24 agosto 1991), Progetto Villaggio del Fanciullo, Trieste – Opicina, 1952, Schizzo di studio: piante e prospetto, lucido (copia), cm. 50,6x88,5, n inv. ADU1104, valore € 2.000,00;

             Vista la relazione del Conservatore della Galleria d’Arte Antica dei Civici Musei di Udine in data 1 marzo 2018, con la quale si esprime parere favorevole all’accoglimento della suddetta richiesta, fermo restando l’osservanza di tutte le condizioni ivi specificate, fra le quali si pone in evidenza, in particolare, l’assenza di oneri a carico dell’Amministrazione Comunale;

Visto il D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 48 “Autorizzazione per mostre ed esposizioni” (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’art. 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137);

Dato atto che, ai sensi dell’art. 3, c. 3 del Regolamento di Contabilità del Comune di Udine, il presente provvedimento non comporta effetti diretti o indiretti, né riflessi contabili sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente; 

Attestata, ai sensi dell’art. 147 bis del D.Lgs. 267/2000 e dell’art. 10 del Regolamento del sistema integrato dei controlli interni del Comune di Udine, la regolarità tecnica del presente atto, riguardante la conformità e la correttezza dell’azione amministrativa svolta;

Visto il parere favorevole, espresso ai sensi dell’art. 49, c. 1 del D.Lgs. 267/2000 del 18 agosto 2000, Testo Unico delle Leggi sull’ordinamento degli Enti Locali, dal Dirigente del Servizio Integrato Musei e Biblioteche, dott. Romano Vecchiet, e conservato agli atti presso l’Ufficio proponente; 


DELIBERA



di concedere in prestito alla Direzione del Museo MAXXI - Museo Nazionale delle arti del XXI secolo - di Roma, per la mostra: “Gli architetti di Zevi. Storia e contro storia dell’architettura italiana 1944-2000”, che si terrà a Roma presso la Galleria 3 del medesimo Museo, dal 19 aprile al 14 ottobre 2018, i disegni citati in premessa alle seguenti condizioni;

autorizzazione da parte della Soprintendenza Archivistica del Friuli Venezia Giulia;

assicurazione “da chiodo a chiodo” per i valori di Euro 5.000,00 per il disegno avente n. inv. ADU1103  ed € 2.000,00 per il disegno avente n. inv. ADU1104, comprensiva delle seguenti garanzie: Valore accettato – Furto con destrezza – Atti vandalici e terroristici – Atti di guerra non dichiarata – Eventi socio-politici – Variazioni termoclimatiche – Vizio, difetto o insufficienza di imballaggio – Guerre (come da IWC) - Colpa grave dell’Assicurato – Dolo e colpa grave – Catastrofi e calamità naturali – Deprezzamento al 95% - Rinuncia di rivalsa verso i trasportatori, gli imballatori vettori e loro corrispondenti;

illuminamento a luce fredda non superiore ai 50 lux , umidità relativa intorno al 55-60% e temperatura tra i 18° e 23° nella sala espositiva;

divieto di rimozione dell’opera da passepartout;

assenso ad una eventuale breve proroga del prestito;

assunzione di tutte le misure atte a garantire la sicurezza e la conservazione ottimale dell’ opera nella sala espositiva;

impianto antincendio, antintrusione e antifurto nei locali di esposizione;

custodia diurna e notturna o idonei sistemi di sicurezza nei locali di esposizione;

trasporto via terra, tramite ditta specializzata in Fine Art, in cassa a contenimento termico con imballaggio a sandwich composto da ethafoam, gommapiuma (plastazote HD), tappo a guarnizione in neoprene, accoppiatobarriera in polistirolo, carton plume, gommapiuma ethafoam;

accompagnamento dell’opera da parte di un incaricato dei Civici Musei di Udine, con spese della trasferta A/R a carico dell’ente organizzatore della mostra;

restituzione del “Contratto di prestito dei Civici Musei di Udine” controfirmato per accettazione;

invio di tre copie del catalogo della mostra alla Biblioteca d’Arte dei Civici Musei di Udine;

 nessun onere a carico di questa Amministrazione.

L'ordine del giorno di cui sopra viene approvato dalla Giunta ad unanimità di voti espressi in forma palese.

Ad unanimità di voti, espressi in forma palese, la presente deliberazione viene altresì dichiarata immediatamente eseguibile, ai sensi della L.R. 21/2003 e successive modificazioni.