Udine Atto

Individuazione per l’annualità 2015 delle Zone del Territorio Comunale non servite da Rete Metanifera (art. 12 Legge 488/99 e art. 4 D.L. 268/2000). (N. 2015/4801/00012)

Delibera del Consiglio comunale N° 2015/4801/00012 del 31 agosto 2015

Presentazione
Discussione in Commissione
Discussione in Consiglio
Approvazione
31.8.2015
  • 25.9.2015
  • 25.9.2015
  • 28.9.2015
  • commissione


Firmatari

  • Enrico Pizza
    Assessore alla Mobilità e all'Ambiente
    Monitorato da 8 cittadini

Testo

IL CONSIGLIO COMUNALE


Richiamato l’art. 12 comma 4 della L. n. 488/99 (finanziaria 2000), e successive disposizioni legislative, che prevede agevolazioni fiscali sull’acquisto di combustibili per il riscaldamento a favore delle frazioni “non metanizzate” della zona climatica “E”, di cui al D.P.R. n. 412/93, appartenenti a Comuni metanizzati che ricadono nella medesima zona climatica;

Evidenziato che l’ambito applicativo del beneficio in questione deve essere individuato sulla base dell’art. 8, comma 10, lett. c), punto 4 della legge 23.12.1998, n. 448, come modificato dall’art. 12, comma 4, della legge 23.12.1999, n. 488 e di quanto stabilito dall’art. 4 del D.L. 30.09.2000, n. 268, quindi in riferimento alle sole frazioni, non metanizzate della zona climatica E, appartenenti a comuni metanizzati che ricadono nella medesima zona climatica, intese come “…porzioni edificate … ubicate a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, ivi comprese le aree su cui insistono case sparse”;

Atteso che il Comune di Udine è un Comune metanizzato che rientra nella citata fascia climatica E di cui al D.P.R. n. 412 del 26.08.1993;

Ricordato che all’AMGA – Azienda Multiservizi S.p.A. di Udine (ora AcegasApsAmga appartenente al Gruppo Hera S.p.a.), è stata affidata la gestione del servizio di erogazione del Gas Metano nell’ambito del territorio Comunale di Udine per la durata di 30 anni (Contratto Per la Gestione Del Servizio Gas Rep. 32 del 29.12.1999);

Richiamata la deliberazione consiliare n. 65 d’ord. del 21.07.2014 con la quale è stato disposto: 

di confermare che il territorio del Comune di Udine, ai sensi del DPR 412/93, ricade in zona climatica E;

di considerare serviti dalla rete di distribuzione del gas gli edifici i cui accessi diretti ed indiretti (attraverso viabilità privata) fanno capo a tratti stradali dotati di rete, suscettibili di adeguata erogazione del gas metano, distante 100 metri dagli accessi medesimi e conseguentemente gli stessi edifici pur esterni alla delimitazione del centro abitato, sono compresi tra le aree metanizzate;

di dare atto che si considerano non serviti dalla rete del metano gli edifici che, pur collocati a distanza inferiore ai 100 metri, non possono allacciarsi direttamente alla rete di distribuzione a causa della presenza di uno o più fondi di altri proprietari siti fra l’edificio e la rete di distribuzione al limite della proprietà più vicina alla rete di distribuzione stessa. La dimostrazione dell’interclusione del lotto dovrà, in caso di espressa richiesta d’esenzione, essere dimostrata da effettiva impossibilità d’allacciamento alla rete di distribuzione;

di individuare le zone non servite dalla rete metanifera sulla base dell’attualizzata cartografia AMGA S.p.A. in scala 1:10.000, datata aprile 2013, pervenuta al Comune di Udine con nota di trasmissione del 29.04.2013, registrata al protocollo generale al n. PG/E 65601 del 07.05.2013, evidenziante le frazioni non metanizzate, intendendo per “frazioni” le “porzioni edificate […] ubicate, a qualsiasi quota, al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale, ivi comprese le aree su cui insistono case sparse”, come definito dall’art. 4 del D.L. 268/2000;

di puntualizzare che la predetta cartografia, non materialmente allegata al presente atto, si conserva agli atti dell’Ufficio proponente;

di dare atto che il presente provvedimento ai sensi dell’art. 12 comma 4 della legge 488/1999 sarà adottato con cadenza annuale, salvo quanto previsto dall’art. 17 bis del D.L. 24.06.2003, n. 147;

di dare atto, inoltre, che verranno effettuate dal Servizio competente le prescritte comunicazioni al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed al Ministero dello Sviluppo Economico, al fine della ammissione alle agevolazioni di legge degli abitanti interessati; 

Preso atto che la legge di stabilità per l’anno 2015, approvata con la Legge 23.12.2014, n. 190, non ha modificato la normativa previgente;

Considerato che, anche per l’anno in corso, ai sensi dell’art. 8, comma 10 della L. 448/1998 e successive modificazioni e integrazioni, è necessario provvedere ad individuare le frazioni non metanizzate del territorio comunale ai fini dell’applicazione dei benefici in argomento;

Visto che non vi sono criteri generali stabiliti dalla normativa né dall’Autorità per l’Energia ed il Gas per definire un’area non metanizzata di un Comune metanizzato;

Rilevato che, da verifiche effettuate dal Servizio Grandi Opere pubbliche, Energia e Ambiente presso altre Amministrazioni Comunali delle Regioni FVG, Veneto ed Emilia Romagna, con particolare riferimento ai capoluoghi di Provincia la cui gestione della rete di distribuzione del gas è affidata a società appartenenti al Gruppo Hera S.p.a., la distanza tra la rete di distribuzione del gas metano e l’utenza non allacciata, stabilita dagli Enti per individuare le porzioni non metanizzate del proprio territorio comunale, è molto diversificata, ma comunque inferiore ai 100 metri (attualmente presi a riferimento dal Comune di Udine);

Ricordato, in analogia, quanto previsto dal Regolamento comunale di Fognatura, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 1 d’ord. del 21.01.2002, secondo cui vige l’obbligo di allacciamento in fognatura per gli insediamenti residenziali ad uso abitativo di tipo singolo quando la distanza in linea retta tra il confine di proprietà e la rete fognaria non supera i 50 metri; per gli insediamenti residenziali plurifamiliari o condominiali l’obbligo sussiste per distanze non superiori a 70 metri;

Ritenuto di aggiornare i precedenti criteri di distanza per l’individuazione degli edifici serviti dalla rete di distribuzione del gas metano stabilendo che:

siano considerati allacciabili alla rete di distribuzione del metano gli insediamenti residenziali singoli, siti al di fuori del centro abitato, quando la distanza in linea retta tra il confine di proprietà e la rete metanifera è inferiore o uguale a 50 metri, ritenendo conseguentemente beneficiari delle agevolazioni fiscali le aree che distano più di 50 metri;

siano considerati allacciabili alla rete di distribuzione del metano gli insediamenti residenziali plurifamiliari o condominiali, siti al di fuori del centro abitato, quando la distanza in linea retta tra il confine di proprietà e la rete metanifera è inferiore o uguale a 70 metri, ritenendo conseguentemente beneficiari delle agevolazioni fiscali le aree che distano più di 70 metri;

in caso di interclusione di un lotto ad opera di altri fondi, l’edificio interessato, pur collocato rispetto alla rete di distribuzione del gas a una distanza inferiore a quanto indicato ai due punti precedenti, sia considerato non servito da rete metanifera, fatto salvo l’obbligo di dimostrare l’effettiva impossibilità di allacciamento;

Tenuto conto che, dalla modifica dei criteri di individuazione delle porzioni non metanizzate del territorio comunale, non deriva alcun onere a carico dell’Amministrazione Comunale;

Rilevato che estensione e consistenza attuale della rete di erogazione gas metano risultano attualizzate così come si evince dalla cartografia predisposta dalla Società AcegasApsAmga, pervenuta al Comune di Udine con nota di trasmissione del 10.06.2015, registrata al protocollo generale al n. PG/E 73398 del 12.06.2015; cartografia, che conseguentemente permette l’individuazione delle zone non servite dalla rete metanifera stessa poste al di fuori del centro abitato ove ha sede la casa comunale;

Puntualizzato che la predetta cartografia, non materialmente allegata al presente atto, si conserva agli atti dell’Ufficio proponente; 

Richiamato il vigente “Regolamento per la distribuzione del gas in Comune di Udine”, approvato con deliberazione consiliare n. 39 del 27.03.2006;

Ritenuto, altresì, di rinnovare, in base alle disposizioni normative vigenti, l’individuazione dei prodotti per il riscaldamento nel territorio comunale oggetto dei benefici di legge;

Visto il parere favorevole espresso ai sensi dell’art. 49, comma 1, del D.Lgs. 267/2000 dal Dirigente ad interim del Servizio Grandi Opere pubbliche, Energia e Ambiente ing. Marco Disnan, parere conservato agli atti presso l’Ufficio proponente;

Precisato che il presente provvedimento non comporta effetti diretti o indiretti sulla situazione economico – finanziaria e sul patrimonio dell’Ente;

D E L I B E R A

di confermare che il territorio del Comune di Udine, ai sensi del DPR 412/93, ricade in zona climatica E;

di aggiornare i criteri di distanza per l’individuazione degli edifici serviti dalla rete di distribuzione del gas metano stabilendo che:

siano considerati allacciabili alla rete di distribuzione del metano gli insediamenti residenziali singoli, siti al di fuori del centro abitato, quando la distanza in linea retta tra il confine di proprietà e la rete metanifera è inferiore o uguale a 50 metri, ritenendo conseguentemente beneficiari delle agevolazioni fiscali le aree che distano più di 50 metri;

siano considerati allacciabili alla rete di distribuzione del metano gli insediamenti residenziali plurifamiliari o condominiali, siti al di fuori del centro abitato, quando la distanza in linea retta tra il confine di proprietà e la rete metanifera è inferiore o uguale a 70 metri, ritenendo conseguentemente beneficiari delle agevolazioni fiscali le aree che distano più di 70 metri;

in caso di interclusione di un lotto ad opera di altri fondi, l’edificio interessato, pur collocato rispetto alla rete di distribuzione del gas a una distanza inferiore a quanto indicato ai due punti precedenti, sia considerato non servito da rete metanifera, fatto salvo l’obbligo di dimostrare l’effettiva impossibilità di allacciamento;

di individuare le zone non servite dalla rete metanifera sulla base dell’attualizzata cartografia prodotta dalla Società AcegasApsAmga, pervenuta al Comune di Udine con nota di trasmissione del 10.06.2015, registrata al protocollo generale al n. PG/E 73398 del 12.06.2015;

di puntualizzare che la predetta cartografia, non materialmente allegata al presente atto, si conserva agli atti dell’Ufficio proponente;

di dare atto che il presente provvedimento ai sensi dell’art. 12 comma 4 della legge 488/1999 sarà adottato con cadenza annuale, salvo quanto previsto dall’art. 17 bis del D.L. 24.06.2003, n. 147;

di dare atto, inoltre, che verranno effettuate dal Servizio competente le prescritte comunicazioni al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed al Ministero dello Sviluppo Economico, al fine dell’ammissione alle agevolazioni di legge degli abitanti interessati.