Udine Atto

Interpellanza urgente del Consigliere Tanzi e altri avente ad oggetto "Lezioni e corsi di alfabetizzazione a favore dei profughi, organizzati dal Centro provinciale per l'istruzione degli adulti (Cpia) all'interno dell'Istituto scolastico d'istruzione di primo grado 'Pacifico Valussi' di Udine". (N. 2017/INT/00043)

Interpellanza del Consiglio comunale N° 2017/INT/00043 del 03 novembre 2017

Presentazione
Discussione
3.11.2017
  • 27.11.2017
  • risposta

Testo

Il Presidente sottopone al Consiglio comunale l’interpellanza urgente che è del seguente tenore:

“TENUTO CONTO

delle segnalazioni ricevute da parte di diversi genitori degli alunni che frequentano l’Istituto in questione;

APPRESO

che, all’interno dell’Istituto scolastico d’istruzione di primo grado “Pacifico Valussi”, il Cpia ha organizzato un corso di alfabetizzazione a favore dei profughi;

APPRESO

dell’incontro a palazzo d’Aronco tra il sindaco Honsell, i genitori degli alunni, il dirigente scolastico e il corpo docenti;

TENUTO CONTO

delle preoccupazioni espresse da parte dei genitori a causa della concomitanza delle lezioni nello stesso orario scolastico, dell’utilizzo delle stesse aule e dei luoghi e aree comuni da parte degli alunni della scuola e dei profughi che frequentano il corso;

TENUTO CONTO

che, l’istituto scolastico rientra nella gestione diretta del Comune di Udine;

CONSIDERATO

le disposizioni contenute nel Piano vaccinazioni nazionale e nel decreto legge n. 73/2017 del Ministro della Salute, poi convertito in legge n. 119/2017, ha reso obbligatorie le vaccinazioni per i bambini da 0 a 16 anni, e un’autocertificazione sulla profilassi vaccinale eseguita per il personale docente e Ata;

CONSIDERATA

l’importanza che l’Istituto Valussi ricopre in termini di offerta formativa e il considerevole bacino di utenti che serve;

CONSIDERATE

le lamentele e l’assoluta manifestata contrarietà dei genitori degli alunni;


            Tutto ciò premesso:


INTERPELLA IL SINDACO E LA GIUNTA

per conoscere:

-	come mai l’amministrazione comunale pur essendo a conoscenza di tale problematica già dall’estate e avendo dato le opportune indicazioni non sono stati fatti i dovuti controlli per evitare che tale inconveniente si realizzasse? 

-	come mai, a fronte delle proposte formulate e non accettate, non ha agito con responsabilità e scrupolosità affinché si aprisse una vertenza con gli attori interessati, per giungere a una soluzione condivisa che non fosse d’intralcio per nessuno? A maggior ragione, giacché gli Istituti d’istruzione secondaria di 1° grado fanno capo al Comune di Udine;

-	considerato il Piano nazionale vaccinazioni e la legge n. 119/2017, dispone puntualmente una serie di misure e vaccinazioni per potersi iscrivere alla frequenza scolastica degli alunni fino al 16° anno di età, e nello stesso tempo la legge impone la dovuta autocertificazione per il personale docente e Ata, si rende opportuno capire: quale profilassi vaccinale siano stati sottoposti i richiedenti asilo per accedere ai corsi e alla frequenza delle lezioni nell’Istituto “Pacifico Valussi”?;



-	quali soluzioni alternative sono attualmente in corso o sono state adottate al fine di trovare diversa idonea sistemazione in altre strutture possibilmente non scolastiche? Tutto ciò al fine di avere garanzie sul rispetto e mantenimento delle misure igienico-sanitarie e di sicurezza evitando la palesata promiscuità che si è venuta a creare tra gli alunni e terzi. 


Udine, 02/11/2017


Firmatari:

Consigliere Comunale, Vincenzo Tanzi (FI)		

Consigliere Comunale, Maurizio Vuerli (FI)	

Consigliere Comunale, Giovanni Marsico (Identità Civica)	

Consigliere Comunale, Enrico Berti (Pdl)	

Consigliere Comunale, Paolo Pizzocaro (Per Udine)	

Consigliere Comunale, Mirko Bortolin (Udc)”



            (Pervenuta mediante posta elettronica)



            Per la discussione si rimanda al supporto digitale.