Udine Atto

Mozione di sentimenti del Consigliere Paviotti e altri avente ad oggetto "Cordoglio per la morte di Giulio Regeni e adesione alla campagna promossa da Amnesty International Italia "Verità per Giulio Regeni". (N. 2016/MZ/00015)

Mozione del Consiglio comunale N° 2016/MZ/00015 del 29 febbraio 2016

Presentazione
Approvazione
29.2.2016
  • 7.3.2016
  • approvato

Firmatari

Testo

Il Presidente sottopone all’esame del Consiglio comunale la mozione di sentimenti che è del seguente tenore:

“Premesso che il 3 febbraio 2016 veniva ritrovato al Cairo, in Egitto, il corpo torturato e barbaramente ucciso di Giulio Regeni, dottorando italiano che lavorava per l’Università di Cambridge;

Considerato inaccettabile che una giovane vita venga stroncata a causa dell’impegno profuso nello svolgimento dell’attività accademica;

Ritenuto un preciso dovere del nostro Governo pretendere dalle autorità egiziane la verità sulla morte del giovane ricercatore italiano;

Ritenuto altresì che interessi economici e politici nell’ambito dei rapporti bilaterali Italia – Egitto non debbano in alcun modo interferire con l’esigenza di fare piena luce sulle cause dell’omicidio;

Visto che in data 24 febbraio 2016 Amnesty International Italia ha promosso una campagna di sensibilizzazione per chiedere che venga fatta chiarezza sull’omicidio di Giulio Regeni, per evitare che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato e per respingere qualsiasi esito distante da una verità accertata e riconosciuta in modo indipendente;

Considerato che in data 25 febbraio il Comune di Udine ha aderito alla campagna mediante l’esposizione di uno striscione sul balcone di palazzo D’Aronco con la scritta “Verità per Giulio Regeni”;

Ritenuto di fondamentale importanza la presa di posizione delle istituzioni locali affinché facciano pressione sui governi e sui tribunali al fine di non permettere che la morte di Regeni finisca per essere dimenticata e affinché non venga ostacolata la ricerca della verità e si possa quindi creare un clima favorevole all’accertamento della stessa;

Tutto ciò premesso,

IL CONSIGLIO COMUNALE DI UDINE

Esprime profondo cordoglio per la morte di Giulio Regeni, ricercatore italiano dottorando presso l’Università di Cambridge, sottoposto a tortura e brutalmente assassinato in Egitto mentre svolgeva il suo lavoro di ricerca;

Aderisce alla campagna di sensibilizzazione promossa da Amnesty International Italia;

Impegna il Presidente del Consiglio comunale a trasmettere al Ministro degli Esteri la presente mozione, con la richiesta di agire con determinazione affinché la verità sull’assassinio di Giulio Regeni venga accertata e riconosciuta in modo indipendente.

29 febbraio 2016

f.to I consiglieri comunali

Monica Paviotti, Massimo Ceccon, Enrico D’Este, Claudio Freschi, Andrea Castiglione, Carmelo Spiga, Maria Marion, Loris Michelini, Maurizio Vuerli, Claudia Gallanda, Enrico Berti, Paolo Pizzocaro, Mario Pittoni, Federico Filauri.”


            Con note del 29 febbraio e 1° marzo 2016 (PG/E 0026041, PG/E 0026046, PG/E 0026051, PG/E 0026054, PG/E 0026057, PG/E 0026060, PG/E 0026061 del 1° marzo 2016), rispettivamente i Consiglieri Chiara Gallo, Stefano Sasset, Raffaella Cavallo, El Sawy Aziz El Feky, Marilena Motta, Sara Rosso e Mario Barel dichiarano di aderire alla presente mozione di sentimenti.



            Con nota del 4 marzo 2016 (PG/E 0028342 del 4 marzo 2016) il Consigliere Bortolin dichiara di aderire alla presente mozione.