Udine Atto

Mozione dei Consiglieri Burelli, Ceccon, Motta e Barel inerente la riqualificazione del complesso industriale denominato "Ex birrificio Dormisch". (N. 2017/MZ/00039)

Mozione del Consiglio comunale N° 2017/MZ/00039 del 06 dicembre 2017

Presentazione
Approvazione
6.12.2017

Firmatari

Testo

Premesso che l’area di proprietà privata sita tra le vie Micesio e Bassi che ospita il complesso industriale oggi in stato di abbandono noto come “ex Birrificio Dormisch” è classificata, secondo il vigente PRGC di Udine, come zona H, cioè destinata ad attrezzature commerciali-distributive e ad altre attività compatibili;

Visto che l’ambito in oggetto è soggetto a una scheda norma che, tra le indicazioni e prescrizioni, prevede che “L’intervento edilizio consente la demolizione degli edifici presenti nell’ambito al fine di realizzare un nuovo complesso immobiliare dalle elevate capacità architettoniche con un incremento dello standard di qualità degli spazi pubblici aperti e/o chiusi  e delle infrastrutture”;

Appreso che la proprietà dell’area è interessata ad attuare una ristrutturazione edilizia della stessa per insediarvi una struttura commerciale di vendita al dettaglio di prodotti alimentari, funzione peraltro ricompresa tra le destinazioni d’uso previste per detta zona;

Considerato che il quartiere del centro studi nel quale insiste l’area “ex burrificio Dormisch” è caratterizzato da una rilevante presenza di attività commerciali alimentari aventi superfici medie e grandi, sufficienti a saturare la domanda relativa;

Ritenuto che il complesso, stante la sua ubicazione strategica lungo il ring e ai margini dell’area a più altra concentrazione di strutture scolastiche della provincia, possa svolgere un ruolo strategico nello sviluppo di questo polo, potendo ad esempio ospitare strutture di servizio agli studenti oggi assenti quali mensa, biblioteca e aule studio;

Considerato che l’edificio industriale, pur non essendo sottoposto a vincolo architettonico, costituisce con la cortina muraria lungo via Bassi, un elemento determinante per la forma urbana di cui sarebbe opportuno valutare la conservazione, anche per il contesto nel quale si trova;

Visto che sono numerose le aree del territorio comunale la cui possibilità di sviluppo e recupero, in base al vigente PRGC, è condizionata alla destinazione commerciale-distributiva;

Ritenuto opportuno rivedere questa programmazione attuando un aggiornamento del PRGC che tenga conto delle mutate esigenza  della città, in un’ottica di “consumo zero” di suolo, di promozione del commercio di prossimità e di economia circolare, quali ad esempio:

spazi rivolti ai giovani emigranti che hanno scelto l’estero alla ricerca di opportunità per sviluppare i propri progetti, e disponibili a tornare in Italia per mettere in pratica le conoscenze apprese;

mercati coperti destinati alle piccole produzioni locali e all’artigianato;

centri del coworking artigiano e del trasferimento delle competenze, nei quali professionisti senior e junior possano condividere spazi, esperienze e idee;

IMPEGNA

Il Sindaco e la Giunta:

ad avviare un tavolo istituzionale (Comune, UTI, Regione, Camera di Commercio di Udine) con la proprietà dell’area “ex Dormisch” per verificare la possibilità di condividere un percorso volto a ridefinire il futuro legato alle effettive necessità del contesto urbano e alle potenzialità che l’ambito può esprimere, sia in relazione agli spazi pubblici aperti sia in termini di funzioni pubbliche o ad uso pubblico degli edifici;

a dare inizio a un processo di revisione del PRGC per disegnare un futuro nuovo per tutte le zone H ancora “inespresse” presenti in città, tenendo conto delle mutate esigenze funzionali del territorio.

Udine, 06/12/2017

f.to Adalberto Burelli (Innovare con Honsell), Massimo Ceccon, Marilena Motta


            In data 7 dicembre 2017 con nota PG/E 0122116 di pari data, il Consigliere Barel ha aderito alla presente mozione.