Udine Atto

Mozione del Consigliere Gallanda contro la discriminazione dei minori non o parzialmente vaccinati. (Presentata in data 22.02.2018) (N. 2018/MZ/00002)

Mozione del Consiglio comunale N° 2018/MZ/00002 del 22 febbraio 2018

Presentazione
Approvazione
22.2.2018

Firmatari

Testo

La sottoscritta consigliera comunale Gallanda Claudia,
PREMESSO
- l’art. 3 della Costituzione che recita: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese",
VISTA
la L. 27 maggio 1991, n. 176, “Ratifica ed esecuzione della convenzione sui diritti del fanciullo, New York 20 novembre 1989", e in specifico l'Articolo 2 che recita:

            1. Gli Stati parti si impegnano a rispettare i diritti enunciati nella presente Convenzione e a garantirli a ogni fanciullo che dipende dalla loro giurisdizione, senza distinzione di sorta e a prescindere da ogni considerazione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o altra del fanciullo o dei suoi genitori o rappresentanti legali, dalla loro origine nazionale, etnica o sociale, dalla loro situazione finanziaria, dalla loro incapacità, dalla loro nascita o da ogni altra circostanza;

2. Gli Stati parti adottano tutti i provvedimenti appropriati affinché il fanciullo sia effettivamente tutelato contro ogni forma di discriminazione o di sanzione motivate dalla condizione sociale, dalle attività, opinioni professate o convinzioni dei suoi genitori, dei suoi rappresentanti legali o dei suoi familiari;

RITENUTO
- che in uno Stato di diritto, al di là delle Leggi dello Stato e persino della Costituzione, sia inimmaginabilmente antidemocratica nonché intollerabile qualsiasi forma di discriminazione nei confronti di qualsiasi minore, cittadino o meno di un qualsiasi Stato, semplicemente in quanto essere umano, con l'aggravante della debolezza dello stato di minore,
PRESO ATTO
- delle conseguenze sul contesto sociale delle famiglie ma soprattutto direttamente sulle vite dei minori non in regola - in funzione delle scelte dei genitori o tutori - con l'obbligo vaccinale di cui alla L. n. 119/2017 di conversione del D.L. 7 giugno 2017 n. 73, che ha reso obbligatorie le vaccinazioni in numero di dieci, per i bambini da 0 a 16 anni, investendo gli Enti Locali ed altri enti e istituzioni pubbliche e private di nuovi compiti e funzioni, indipendentemente dal giudizio di merito sullo specifico provvedimento;
IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA
1) a dichiarare che “l'Amministrazione Comunale è impegnata nella tutela dei diritti di tutti i minori residenti nel nostro Comune contro ogni forma di discriminazione motivata dalle opinioni professate o convinzioni dei suoi genitori, dei suoi rappresentanti legali o dei suoi familiari, inclusa pertanto qualsiasi forma di discriminazione determinata dalla libera scelta da parte dei genitori o dei tutori di non vaccinare o vaccinare parzialmente i propri figli”;
2) a dare atto che della presente deliberazione verrà data immediata comunicazione a tutti i servizi educativi o con valenza educativa della propria attività - rivolta ai minori - presenti sul territorio, a partire dalle Istituzioni scolastiche.
Claudia Gallanda
Consigliere comunale di Udine
M5s
Udine, 21.02.2018.

            (Pervenuta mediante posta elettronica)